martedì, aprile 15, 2008

That I would be good

Interrompo l'ascolto dei Folkabbestia perché mi piacerebbe cercare di scrivere qualcosa di sensato dopo giorni di vagheggiamenti (forse non sarà sembrato così, ma ho scritto con fatica e senza ispirazione). Lavorando ai miei lavori notturni, come quasi sempre quando mi ritrovo a fare cose che non necessitano la mia attenzione, trovo ispirazioni fantastiche su discussioni, problemi, fatti. Poi mi siedo davanti allo schermo e tutto scompare. Ma non importa. Solitamente mi metto a scrivere d'altro e, d'incanto... scrivo d'altro.

Il tempo è un po' pazzerello, qua. La notte tira vento da bufera (e oggi particolarmente buferoso), di giorno è più tranquillo e quasi invoglia a buttarsi in spiaggia... se non fosse che la spiaggia è scomparsa! Il mare si è mangiato una buona fetta di sabbia giusto sul lungo mare di Morro. In pratica è una settimana che non mi spiaggio... un po' i rimasugli del solito mal di gola, un po' le sveglie tardi dovute al lavoro notturno, un po' la ricerca di canzoni nuove per il "duo"... tutto questo mi ha prevenuto dallo scendere a fare il ragazzo da spiaggia. Ma il lavoro notturno sta per finire... lunedì si torna a vivere con gli umani.

Nel frattempo oggi, sorpresa delle sorprese, nella lista degli arrivi effettuati non compariva in nessun luogo "Solresor". Nostalgia, nostalgia. Sono già passati sei mesi e il periodo scandinavo è finito. Ricordo l'anno scorso, quando partì Tania... le sue lacrime, e dire che non ci conoscevamo nemmeno. Mah... il lavoro turistico stagionale crea davvero un mondo tutto suo. Beh... quest'anno il mio addio strappacuore già ce l'ho avuto... e nemmeno troppo strappacuore (grazie al c..., non ci siamo visti, all'addio!). Anche se la relazione era decisamente diversa. Ebbè se era diversa.
Comunque mi dispiace che sia finita questa stagione. Sebbene non ci siano state molte occasioni di incontro ci sono state persone che non dimenticherò... Markus, che mi dispiace sia partito così presto, Emmelie e i suoi sorrisi e Viktoria e le nostre passeggiate... e mi fermo qua. Chissà se vedrò la terza stagione. Non lo so.

Parlando di mondo reale... abbiamo perso. Beh... e brutalmente. Non che sperassi in una vittoria del (blah!) centro-sinistra. Però vedere il fatto compiuto comunque è shockante. Massì, massì, la politica non è così importante. Lo so, mica sono un invasato. Ma è davvero così? Perché la politica modifica la mia vita di tutti i giorni, non credete? Io credo di sì. Un giorno mi sono svegliato e reati che prima erano reati son diventati sciocchezzuole. Un giorno mi sono svegliato e un capo di governo ha dato del nazista a un rappresentante di un altro stato. Un giorno mi sono svegliato e era legale far rientrare capitali portati all'estero per non pagare le tasse. Un giorno mi sono svegliato e mandare sul lastrico migliaia di famiglie era una cosa normale. Un giorno mi sono svegliato e i ricchi avevano più privilegi del giorno prima (tipo pagare meno tasse). Un giorno mi sono svegliato e le chiese non dovevano più pagarle, le tasse (o quasi). Un giorno mi sono svegliato e ero più povero (e no, non sto parlando dell'ingresso nell'area euro, che ci ha salvato il culo, maledetti ignoranti! E se non ci credete fate un po' di ricerche in internet sulla nostra economia degli ultimi 10 anni e mi saprete dire, cavolopernodirecazzo!).

Adesso son cazzi. Io spero sempre che no, spero sempre che si voglia governare il paese al meglio, visto che, in fin dei conti, dovrebbe essere meglio anche per i governanti. Però ci spero poco. Il mio rientro in Italia si fa, dopo queste elezioni, molto più difficile. Forse me ne andrò a Barcellona, forse rimarrò qua, quasi sicuro non andrò in Svezia, sebbene sarebbe stata la mia meta preferita.
Chissà... a voi auguro SUERTE, che la Forza sia con voi! E poi magari sono io il pazzo che non capisce nulla!
Acabo de escuchar los Folkabbestia porqué me gustaria escribir algo listo despues dias de tonteria (puede eser que no parece, pero escribí con fatiga y sin ideas). Trabajando mis trabajos de noches, como siempre cuando no tengo que prestar atencion, encuentro meravillosas ideas. Luego tomo asiento delante de la plantalla y todo desaparece. Pero no es importante. Cuando empiezo a escrivir de otras cosas, asì... escrivo de otras cosas.

El tiempo es loco acá. La noche hace un monton de viento de bofera (y hoy mas), por el dia es tranquilo y casi de playa... si no fuera que la playa en fruente a Morro desapareció! Es una semana que no bajo a la playa... quizas por el dolor de garganta, quizas por el sueño del trabajo de noche, quizas por buscar nuevas canciones... por todo eso no hize el chico de playa. Pero el trabajo de noche está por acabar y el lunes volveré a estar con los humanos!

En el mientre hoy, surprise, en el listado de las entradas realizadas no estaba en algun lugar "Solresor". Nostalgia, nostalgia. Se han pasado ya seis meses y la estacion escandinava se ha acabado. Me acuerdo el año pasado, la despedida de Tania... y sus lagrimas... y nos no conocebamos para nada. Mah... el trabajo turistico estacional hace un mundo loco. Beh... esto año la despedida ya la he tendida... tambien la relacion estubo muy diferente... muy diferente.
Pues lo siento mucho que esta estacion se acaba. No hemos tenido muchas ocasiones de encuentro, pero hay personas que no olvidaré... Markus, que se fue demasiado temprano, Emmelie y sus sonrisas y Viktoria y el nuestro caminar... y me paro. Quizas si estaré acá por la terzera estacion. Quizas...

Hablando del mundo real... hemos perdido. Beh... perdido muy mal. No es que espera de ganar. Pero ver todo hecho es un choc. Lo se, lo se, la politica no es importante. No es que soy un inchas. Pero... pero la politica cambia mi vida de todos los dias, yo creo que si. Un dia me desperté y... muchas cosas... no se explicar en español. Pero quien tenia privilegios estubo con mayor privilegios todavia. Y los ricos se pusieron mas ricos, y los pobres mas pobres.

Y ahora va a hacer muy dificil por mi gente. Yo espero que quien goberna el pais lo gobierna por el bien del pais, lo espero siempre. Pero creo que no será así. Entonces mi vuelta a Italia se aleja. Quizas que me iré a Barcelona, quizas que me quedaré acá, casi seguro que no iré a Suecia, que me gustaria mucho. Quizas... a vosotros amigos digo SUERTE y que la Fuerza sea con vosotros! Y luego puede eser que el loco soy yo...

Posta un commento