martedì, maggio 27, 2008

Cold and blobfish

Uno pensa di scoprirsi fresco e intelligente anche a trent'anni e passa. Ma, parafrasando Guccini, a trent'anni si è stupidi davvero. E così si cerca in tutti i modi di fare stupide figure. E si riesce a farle.

In ogni caso tutto questo dopo aver ottenuto, per una volta, ciò che si voleva. Del tipo che inizia la cena di gala e tu dici: quel dolce lo voglio alla fine della cena e te lo portano davvero! E non è successo molto spesso. O, meglio, solitamente succede che devo aspettare più tempo e spendere un sacco di energie. Questa volta ho scelto a inizio serata, a fine serata, contro ogni aspettativa, stavo assaggiando il dolce che avevo scelto.

Il giorno dopo, per dire, nel pomeriggio ho avuto come un abbaglio nel dire: ma che cazzo di dolce ho scelto? Poi in serata tutto si è sistemato, si trattava di un abbaglio. Stavo guardando un'altra cosa.

Il terzo giorno, sempre il terzo giorno, ci si comporta in modo stupido. Ma tutto sommato era quello che entrambi volevamo, o no?!?

Posta un commento