mercoledì, ottobre 08, 2008

È che sono stanco...

È che sono stanco... fisicamente, dico. Per questo, probabilmente, non sprizzerò allegria da tutte le parole. Ma, credetemi, sta andando meglio.
Nonostante la crisi dei mercati finanziari, nonostante l'assottigliamento del ghiaccio dei poli (ma sono ottimista, diciamo che se la UE e gli USA continueranno sulla strada intrapresa, forse ci salviamo!), nonostante tutto la mia testa continua a guardare qualche grado sopra l'orizzonte.

Oggi, uscendo di casa per venire a lavorare, ho guardato un momento il mare e la Luna e Giove splendevano nel cielo limpido, con la luce lunare a riflettersi sul mare. Bello. Da qui a dire che tutto va bene... ne corre. Diciamo che tutto si aggiusta.

Oggi è stato giorno positivo. Sono andato in spiaggia, ho nuotato, giochicchiato a calcio spiaggesco, suonato la chitarra, chiacchierato con Sharazad (grazie, è stata una bella chiacchierata), mandato una mail e finalmente mi hanno detto che sono cambiato.

È vero, hai ragione. Sono proprio cambiato. Sono entrato nell'età adulta. Forse è triste, forse è falso, forse è solo in parte vero. Certo che qua si sono fatte cose che prima non si facevano. Sono diventato davvero una persona fredda e  completamente integrata nel sistema. Mi sono tagliato i capelli, mi faccio la barba tutti i giorni (oggi no, per dispetto), mi vesto con camicia, giacca e cravatta e, cosa ancora più terribile, porto scarpe normali e non da ginnastica!! Inoltre, lo ammetto, non ho fatto l'amore solo per amore. E ho baciato alcune volte delle ragazze di cui non ero innamorato.
Bah... in effetti...

In realtà mi prendo in giro da solo (e non sto prendendo in giro te, che mi hai detto che sono cambiato), però è vero che sono cambiato. È vero che non sono mai stato così. I vestiti, la barba e i capelli non sono niente. Il problema è l'altro. Fino a pochi anni fa sarei morto piuttosto che tradire i miei sentimenti. Adesso sono molto più duttile in tutto questo. Ma molto.
Diciamo che, aspettando l'Amore, mi permetto dei divertimenti. Che, in un mondo normale, è normale. Mai il mio raramente è stato un mondo normale. Beh, ora lo è. E continuerà a esserlo. Io continuo a sperare di vivere la mia favola, ma per viverla è necessario essere in due. E così vivo solo dei racconti per adolescenti.

Però non mettiamola troppo dura. Continuo a essere più etereo che terreno, via. O forse no. Forse non lo sono mai stato, etereo. Magari semplicemente non avevo il coraggio delle mie azioni... mah. Ditelo voi.
Io mi trovo bene, ho dubbi, incertezze; sicuramente gioco sul filo del fuorigioco, a volte, e rischio più di prima di fare del male. Ma prima semplicemente ricevevo mazzate a destra e manca, adesso cerco di evitarle e, inevitabilmente, il pericolo di ferire altri cresce. Ma non temete, continuo a essere ossessionato dal bene altrui. E quindi cerco, in tutti i modi, di non piegare il più piccolo stelo. Questo non significa che non possa succedere. Spero non sia nulla di grave.

E adesso cercherò di tradurre tutto questo in un altro idioma (si vede che sono stanco fisicamente anche dal fatto che da mesi non scrivo più in tre lingue... scansafatiche!).
I am tired...

I am tired... fisically, I mean. That's the reason, probably, why these words will not be with too much energy. But, believe me, I am way better now.
Against financial markets' crisis, against the thinness of polar ices (but I am optimist, if EU and USA go on with the road their are heading, maybe we will be safe!), against everything my sight is still heading high.

Today, heading to work, I looked at the sky and Moon and Jupiter where shining bright in the sky, with moonlight reflexing upon the sea. Nice. Now, from that telling everything is fine it's a long way. But everything will be fine.

Today was a good day. I've been to the beach, swam, played beach soccer, played the guitar, talked with Sharazad (thanks, was a beautiful talk), sent an e-mail and finally somebody told me I am changed.

It is true, you are right. I really changed. I am now adult. Maybe it is sad, maybe it is not true, maybe it is partially true. For sure I have done things I've never done before. I am become a cold guy and integrated in the society. I cut my hair, shave everyday (today not, in rebellion), I wear a shirt, tie and jacket and, thing most scaring, I wear normal shoes and not sneakers!! Then, it's true, I've made love not only for love. And I kissed sometimes girls I wasn't in love to.
Good... by the way...

The truth is that I am fooling myself (and not you that told me these things), but that I am changed it is true. It is true that I never have been like this. Dresses, beard and hair are nothing. The problem is somewhere else. Till few years ago I would dye than betray my feelings. Now I am more like lead, I can blend. A lot.
I am still be waiting for Love, by the time I enjoy. That is usual, in the normal world. But mine seldom has been a normal world. Well, now it is. And will keep on being like this. I still long for living my fairy tale, but to live it need to lived in two. So I live only teenager's stories.

But lets tell that's not so bad. Still I live in the air more than on earth. Or maybe not. Maybe I always have been a ground one. Maybe I simply hadn't had the strength to act like I am before. You have to tell this.
I feel good, I have doubts, I feel insecure; I live on the edge, sometimes, and I maybe could hurt somebody more than before now. But before I simply get hurt and hurt once again, now I am trying to avoid hurts and so I could hurt somebody else. But I am still obsessed with other safeness. So I try in every way, not to bend a flower. That doesn't mean it could not happen. Hope will not hurt too much.

Blogged with the Flock Browser
Posta un commento