mercoledì, ottobre 31, 2007

Morfeo

Sto lavorando. Sono le sette e un quarto del mattino, fra tre quarti d'ora me ne vado in cameretta a dormire. O a far finta di dormire. O a cercare di dormire. O a non dormire.
Una di queste varianti.
È un periodo un po' così, con la faccia un po' così... da stronzo.
Sì, perché sono stanco, sono mezzo ammalato da tre settimane, però quando posso andare a letto a un orario umano, che per lo standard del luogo è attorno alle 2 di notte, mi ci rifiuto e così passo ore nel cazzeggio più assoluto. Come ieri che rientrato in camera alle 3 e 30 ho deciso di evitare di buttarmi nel sonno, così che l'atterraggio nella terra di Morfeo si è verificato alle ore 8...
E questo è un caso, che però si è verificato spesso nelle ultime settimane.
In questo modo riposo male, vivo poco il giorno, e meno la notte. Visto che spesso evito di uscire per non affaticarmi troppo e riposare. Ma non risposo.

Dite che sono cretino? Io mi dico di sì.

Parte di questa situazione è dovuta a un gioco. Sì, lo ammetto.
È che stazionava da qualche tempo sul desktop del mio odiatizzzzzimo Winzozz (per poco, si passa Kubuntu e lo sapete già) e una sera mi son detto: "Ma installiamolo, benedettissimo il cielo!". Un tuono ha rimbombato lontano, ma io avevo nelle orecchie le melodie di Ben, ovviamente, e non ho udito.
Poi un'altra sera mi sono detto: "Beh, tutte le campagne standard le ho fatte, però magari in questa nuova versione ce ne è di nuove, vediamo un po', poi vado a letto" (che poi a letto già ci stavo, avendo improvvisato una postazione da NERD nel mio giaciglio). Fulmini e saette risplendettero nel cielo di Fuerteventura, ma io ho le tende chiuse e non le vidi.

Okkei. La maledizione di Wesnoth ha così avuto inizio.
Posta un commento