venerdì, marzo 07, 2008

Infrangere

Beh, due post chilometrici per cercare di spiegare qualcosa. Oltre a alcune risposte a commenti.
Poi tutto rientra in gioco. O sembra. Succede qualcosa che induce in tentazione, come si potrebbe dire.
La risposta è un bel "VAFFANCULO".
Perché? Perché sì, e già questo basta.
La tentazione di alzare preghiere all'Altissimo è grande, ma chi è l'Altissimo? Dove risiede? Interviene nelle comuni disgrazie di tutti i giorni?
Mah. Dubbio e perplessità. La tentazione è dire che sì, certo che interviene. Però poi incominci a vedere altre immagini. Il bello e il brutto, il buono e il cattivo. E allora intervengono il libero arbitrio, la libertà di scelta come un dono. Ma davvero abbiamo bisogno di tutte queste spiegazioni che si fanno via via più complesse per comprendere lo scorrere del tempo e il dipanarsi delle nostre vite nel mondo?

Dire che Dio (qualsiasi divinità, sono democratico) esiste implica un insieme di complicazioni incredibili. Più facile è dire che non esiste. Più facile? Sì, più semplice. Implica semplicemente che il mondo, la realtà, si dipana seguendo semplici leggi fisiche. E basta.

Davvero è necessaria una spiegazione esterna, una ragione superiore, per cercare di dare un senso alle nostre misere vita? No.
Vi dico che no, non è necessario. E sappiate che mai come oggi necessito di speranza e ottimismo (e, strano a dirsi, l'amore oggi non c'entra, vi dico solo che sto bestemmiando parole amare dalle dieci di questa sera, e "ingiustizia", "malvagità" e "destino bastardo" si affollano...). Però sono stanco di cercare risposte là dove ero abituato a cercarle.
Siamo abituati a fare cose, signori miei: abituati.
È ora di toglierci queste abitudini, perché tolgono di significato al nostro vivere.
Volete farmi incazzare stasera? E allora ditemi che il mondo è guidato da un destino superiore. Ma andate tutti affanculo. Siete bambini che ancora credono alle storie sulle fate. Un po' l'ho spiegato perché credo di essere nel giusto (credo, ricordatevi che mai, mai, mai in vita mia sarò sicuro di qualcosa che non sia un mio sentimento, io credo in quello che dico, ma sono sicuro di quello che provo. Fino a prova contraria), un po' oggi sono troppo incazzato col mondo.
Io ho un cuore grande (sì, me lo dico da solo e sfido chiunque a dirmi il contrario, lo sfido, porca troia!), ma vaffanculo al mondo oggi.

Y suerte a todos, perché l'amore non finisce mai, nemmeno in tempi tristi.
Posta un commento