mercoledì, febbraio 13, 2008

Solo, Han

Famoso farabutto dello spazio, incontrerà gloria e amore, sebbene non si sappia se saprà mantenerli.

Mai pensato, o immaginato, come erano le vite degli eroi dei film prima dell'inizio degli stessi, oppure dopo la fine? No? Io sì. Gran parte del mio genio creativo (consistente all'incirca in 15 grammi) fu speso in inutili storie di inutili personaggi che oramai avevano già percorso fino alla fine il loro percorso sotto la luce dei riflettori.
Ovviamente tutte storie veramente fantastiche. Ovviamente tutto a mente.
Beh, mi è sempre piaciuto il dietro le quinte. Ciò che non è propriamente al centro dell'attenzione. D'altra parte sono schivo. E faccio schifo, ma questo è altro, eheheh.
No, davvero. Anche nei libri, molto spesso, i miei personaggi preferiti sono i comprimari, le seconde linee.
Forse è perché da piccolo ero molto timido e non mi piaceva espormi, forse perché non avevo coraggio e non mi permettevo di rischiare... mah! Fatto sta che ho sempre preferito Faramir a Aragorn, mi piaceva un sacco Judo, anche se ovvio che Gatsu rimane il migliore... beh... un sacco di minchiate.
Ora sono probabilmente cambiato, anche se resto sempre il piccolo coglione di sempre. Però se proprio mi rompete le scatole un vaffanculo ve lo dico, neh?

La cosa bella di questo post è che pensavo di parlare di Dio, e della religione. Bah... la mente umana è capace di traslare a livelli assurdi. La mia poi ne è maestra. In ogni modo... Dio non esiste e oramai è il momento di superare il concetto di religione e abbandonarci finalmente alla morale. Un giorno vi spiego. Non incazzatevi. Non credo di avere assolutamente ragione. Però penso che qualche margine di "possibilità" potrei averlo.

Lo siento para quien me lee en español. Hoy no tengo gana de traducir.
Posta un commento