mercoledì, aprile 15, 2009

Un giorno lontano lontano...

... tutto il mondo sarà in pace, non ci saranno più conflitti e crisi economiche, magari scompariranno pure i maltrattamenti domestici.

Aspettando con ansia quel momento, e sarà davvero un gran bel momento, dobbiamo accontentarci di quello che ci porta il "giorno dopo giorno".
La crisi economica comincia a fare le sue vittime pure nel paradiso fiscale canario. Questa settimana un'amica perderà il lavoro, a meno di piccole rivoluzioni intellettuali da parte di due o tre persone. La mia previsione per la crisi era che a metà 2009 si comincerà a vedere la luce, però credo che sarà un po' più tardi, probabilmente si dovrà aspettare l'inizio 2010. Alcune economie già stanno ripartendo, il problema è che altri colossi economici ci devono ancora entrare, nella crisi. Germania, Francia e UK mi sembra stiano ancora sull'orlo. Aspettiamo di vedere se gireranno attorno o passeranno in mezzo al buco. Cina già riparte, Giappone è in crisi da 20 anni, ma sempre galleggia, USA utilizza le crisi per sfoltire un po' di CEO milionari e qualche milione di poveri da rendere più poveri.
Io rimango della mia opinione: produciamo troppo grazie alla robotizzazione dell'industria e quindi dobbiamo iniziare a ristrutturare la nostra piramide di bisogni. Oltre che a ristrutturare la piramide aziendale: oramai non è più possibile che un CEO (che sarebbe il manager/presidente... chiamiamolo como vogliamo) guadagni cento volte più dei suoi dipendenti. È necessario ribilianciare gli stipendi, distribuendo gli utili di un'azienda verso il basso.
La mia amica è una recepcionist come me, perderà il lavoro perché il direttore vuole recuperare i soldi che spenderà per cacciare un altro recepcionist (fancazzista) tagliando il monte stipendi di tutta la recepcion e quindi licenziando (in Spagna se hai un contratto a tempo indeterminato e ti vogliono licenziare ti devono pagare l'ammontare di uno stipendio per anno di contratto, all'incirca, mentre se hai un contratto a tempo determinato ti pagano un cazzo, soprattutto se sei ancora nel periodo di prova). Un recepcionist guadagna 1.200 euro al mese (circa), un direttore fra 45 e 60 mila euro all'anno. Compariamo questi dati fa:
- 15.600 euro all'anno per il recepcionist (con 13ª);
- 3.850 euro al mese per il direttore (considerando 50.000 euro all'anno con 13ª).
Nel mio caso al recepcionist "malvagio" l'azienda deve 1.300 euro circa, e così licenziano un altro milleurista e il conto è zero. Fra un mese avremo bisogno di quel milleurista, e così contratteremo nuovamente la stessa ragazza, se lei vorrà, o uno nuovo che dovremo formare. Se il direttore si decurtasse un terzo dello stipendio di un mese, che sarebbe un 36esimo del denaro che guadagna ogni anno senza contare i premi, una persona non perderebbe il suo lavoro. Un 36esimo del mio guadagno annuale è 433 euro (con 3 periodico... uau!).
Quindi, nel caso del mio hotel, se il direttore ogni mese guadagnasse 2/3 del proprio stipendio un lavoratore avrebbe il posto di lavoro assicurato nonostante la crisi. Ma sto scrivendo minchiate: più vai in alto più vuoi soldi. E non ne lasci per strada nemmeno mezzo.
Però il ragionamento fila e più sali nella scala più la sproporzione è enorme. E non parliamo della buonuscita che un megadirettore si becca...
A day far away in time..

... the all world will be in peace and there will be no more wars and economic crisis and maybe even the domestic fight will disappear.

Waiting for that day, and it will be a big day, we have to look at what the day brings to us.
The Crisis starts to be noticed even here in the canary fiscal heaven. This week a friend will lose her job, unless some intellectual revolution happens. My forethought about the crisis was that at mid 2009 we would have started to notice some light at the end of the tunnel, but now I believe we would wait a bit more, maybe 2010. Some economies are already on a up trend, the problem is that some big countries are yet to get really involved in the crisis. Germany, France, UK are still on the brink. Lets wait if they turn around it or fall inside. China is starting again. Japon is in the middle of the crisis since 20 years, but always goes on, USA uses the crisis to cut some millionaire CEO and some million of poor people and make them more poor.
I still keep my position: we produce too much thanks to the Industries Robotic Era and so we must re-build our pyramid of needs. And too we have to re-build our economic pyramid: it is no more bearable that a CEO earns a hundred times a current employee.

Posta un commento