sabato, dicembre 02, 2006

Il sonno della ragione genera stanchezza...

... e quant'altre cose, più non so dire.
Il sonno della ragione non è altro che l'addormentarsi di quella parte del nostro cervello che sovraintende all'analisi logica di fatti e eventi che avvengono alla nostra persona. Il momento in cui questa "parte" decide di assentarsi, volenti o nolenti noialtri che dovremmo in qualche modo controllarla, allora ogni più infima fisima, il più piccolo pensiero rotolante, un minuscolo dubbio strascicante, acquisiscono tanto potere da impedirci un ragionamento (sequenza di pensieri che porta da un evento a una analisi di tale evento in qualche modo oggettiva) qualsiasi senza incappare in intorcinamenti ridondanti che, a me, in questo preciso periodo della mia vita, impediscono di dormire fisicamente.
Anzi...
Ho proprio paura di andare a dormire. Tanto che non lo faccio quasi più... e se lo faccio è perché ancora qualche minuto di veglia e mi viene un collasso.

Forse voi non sarete d'accordo, ma io ritengo che ciò sia in qualche modo fastidioso.

Saluti
Posta un commento