sabato, marzo 17, 2012

The time for Revolution

Come sempre passano settimane senza che scriva qualcosa.
Poi un giorno mi trovo a casa nel giorno libero, con la piccola francese è in aeroporto e così, dopo qualche oretta di cazzeggio, non mi rimane altro da fare che scrivere qualcosa.

Nelle ultime settimane mi sono trovato giorno dopo giorno sempre più a contatto con questo bellissimo sistema economico che si chiama capitalismo (selvaggio, oramai mi viene da aggiungere). E mi ci ritrovo a contatto non più dalla parte del povero proletario, ma del quadro medio (beh, il mio è un piccolo reparto di un hotel, ma rimango un capo... eheheh) e mi fa sempre più schifo.

Dunque, cosa succede nel capitalismo? Che tutti hanno la possibilità di diventare ricchi. Perfetto, ne sono contentissimo, ognuno deve avere la possibilità di essere ricco! Sarebbe poi bello trovare la definizione di "ricco", ma qua si entra in un campo minato e il mio record per il piccolo è 7 secondi...
Quindi io, grazie al capitalismo, divento ricco, poi diventi ricco tu, poi lui e via in un mondo di ricchi! Non ci vuole un genio per capire che se qualcuno diventa ricco, in un sistema chiuso (cioè in un "mondo" che ha un limitato numero di risorse come è il nostro, sebbene sia immenso) qualcun altro diventerà povero, no? Un giorno arriveremo a essere tutti ricchi, ma ci vorrà un bel cambio di psicologia e di tecnologia e non ci siamo vicini manco un po'.
Comunque, noi diventiamo ricchi e qualcuno diventa povero. Perfetto! Finché siamo NOI che diventiamo ricchi, chissenesbatte? E invece... invece la storia è un alternarsi di vicende e prima o poi ti tocca il giro di ruota. E così si arriva alle crisi economiche, dove qualcuno dei ricchi diventerà un po' più povero e si ricomincia.

E questo è il primo problema.

Il secondo problema è che se io divento ricco avrò molti soldi e chissà non avrò idea di che farne, ma magari mi renderò conto del giro di ruota di cui sopra e vorrò difendere la mia ricchezza. E scoprirò che i soldi rendono facile influenzare la gente. E comprare la gente. E cambiare le leggi. E così io ricco farò leggi per difendere la mia ricchezza e in questo modo i poveri avranno meno possibilità di diventare ricchi. E arriviamo al capitalismo attuale. Un capitalismo dove i poveri hanno sempre meno possibilità di diventare ricchi, dove la ricchezza non viene ridistribuita e rimane nelle stesse mani. Dove gli stessi organi di controllo sono controllati da coloro i quali avrebbero dovuto controllare. E così siamo fregati.

È tempo di rivoluzione.

E veniamo a me. Il mio hotel l'anno scorso ha fatto un incasso di 11 milioni di euro (non so se è stato il beneficio netto oppure da lì bisogna togliere i costi, ma non credo). Questo grazie alla situazione del mondo arabo, e quindi a un afflusso assolutamente ABNORME di clienti che altrimenti sarebbero finiti in Egitto, Tunisia e mondo arabo in generale.
Quest'anno, ovviamente, questo non succederà. E lo sa tutto il mondo. Ovvio, il flusso nel mondo arabo sarà meno copioso, ma sicuro che a noi rimarranno le briciole. E quindi, un bambino potrebbe capirlo, gli ingressi per l'hotel saranno minori.
E invece... e invece i capi a Mallorca, i grandi capi, hanno posto come obiettivo quest'anno 1 milione di euro di più! Eh?!? Ma quanto sono furbi?!? EHHH??!?!

E quindi, meno gente che viene, meno gente che paga... come guadagniamo 1 milione di euro in più?!? Ma sfruttando di più la gente che lavora per te, no?!?!

GRANDISSIMI.FIGLI.DI.PUTTANA.

E davvero mi fa schifo tutto questo.

As usual weeks go by without me writing a word.
Than some day I'm home with a free day, with the little french at the airport and so, after few hours doing nothing,  I have no more to do than write something.


In the last weeks I faced day after day this beautiful economic system called capitalism (wild, I'd like to say). I face it no more from the bottom side, the side of the poor proletariat, but from the side of a chief (little one, but chief) and I really like it every day less.


What does in capitalism happen? It happens that everybody's got the chance to get rich. Great, I'm really happy about it, everybody should have the chance to get rich! It would also be nice to find our a good  definition of "rich", but this would take really a long time...
Posta un commento