mercoledì, settembre 15, 2010

L'Uomo che piantava XXXXXXXXXX...

Le rassicuranti notizie che leggo in ogni dove rallegrano a tal punto la mia esistenza che nel titolo al posto delle "X" dovete metterci una bestemmia, e non ci riuscirete perché è stata da me bellamente modificata a dovere (beh, se ci riuscite vi pago una birra).
In ogni caso: la crisi ecologica globale ci lascia 17 specie del emisfero boreale a rischio estinzione nella prossima decina d'anni o poco più, entro il 2030 dovremmo assistere alla prima estate senza ghiacci al Polo Nord, ampie mareggiate sono attese sulla costa amalfitana. A a chi mi dice "sono fluttuazioni che ci sono sempre state" rispondo che no, che non sono "fluttuazioni che ci sono sempre state". E la ragione è semplice: se fino agli anni cinquanta l'impatto ambientale umano era tanto piccolo che non era necessario prenderlo in considerazione nelle analisi sui cambi climatici oramai, solo 60 anni dopo, la situazione non è più la stessa. Oramai le nostre emisssioni sono a livello tale che stiamo efficacemente cambiando il clima planetario. E se in Groenlandia questo può forse fare piacere, visto che si troveranno di nuovo ad avere una terra verde e fertile, forse nella zona tropicale, dove è raccolta una percentuale di popolazione mondiale leggermente più alta di quella che si trova nella Terra Verde dei vichinghi, le cose saranno un po' peggiori. La disertificazione e la carenza d'acqua, già un problema enorme attualmente, peggioreranno. Ma tanto l'alzamento dei mari causa scioglimento dei ghiacciai immetterà quantità tali di acqua dolce negli oceani che le correnti marine potrebbero cambiare il loro corso e quindi cambiare ancora di più la metereologia.
Insomma, da come la vedo son cazzi acidi...
Il problema è sempre quello, c'è gente che non fa merenda col girello...
Ah! E perché non parlo di Berlusconi, dei Libici (I LIBICI!! Cazzarola, Marty Mcfly aveva ragione, alla fine) e di tutte le minchiate che succedono in casa Italia, e poi della Oracle che strangola i progetti open di Sun e di qualche altro miliardo di minchiate che giornalmente succedono nel mondo...
Posta un commento